Cosa si intende per gas naturale?

Il gas naturale è utilizzato in Italia, come in tutto il resto del mondo, sotto diverse forme e per vari scopi da un numero molto grande di famiglie. Questo gas è ottenuto attraverso un processo naturale terrestre che richiede milioni (o anche miliardi) di anni per trasformare la materia organica, vegetale o animale. Il gas naturale è quindi un idrocarburo, proprio come il petrolio. Dunque, è solo un gas o anche un'energia da privilegiare?

Cos'è il gas naturale?

Il gas naturale è una fonte di energia non rinnovabile: le sue risorse sulla Terra sono limitate e ci vogliono milioni o miliardi di anni per produrlo. Ecco perché, man mano che il consumo di gas naturale aumenta in tutto il mondo, aumenta anche il suo prezzo. Attenzione: il gas naturale e il biogas (o gas verde) non hanno nulla in comune, tranne che il loro uso può essere simile. Provengono da processi di produzione completamente diversi.

Produzione e provenienza del gas naturale

Il gas naturale è così chiamato perché si trova naturalmente nel terreno in diverse parti del mondo. È stato prodotto durante milioni (e a volte miliardi) di anni e questo processo continua ancora oggi. Come altri idrocarburi (petrolio, carbone, ecc.), il gas naturale è un combustibile fossile. Una volta che il gas naturale viene estratto dalla terra, viene importato o esportato, trasportato, immagazzinato e poi utilizzato per la produzione di energia elettrica e calore. A volte, può anche essere usato nei processi industriali. Sotto la superficie del terreno, ci sono vere e proprie bolle di gas: i giacimenti di gas naturale.

La composizione leggermente variabile del gas naturale

Anche se la composizione del gas naturale varia a seconda del giacimento sfruttato, le sue proporzioni rimangono sostanzialmente simili. Il gas naturale è principalmente composto da metano: la sua quantità può variare dal 81% al 97%. Il metano è esso stesso un gas idrocarburo. Inoltre, il gas naturale è anche composto da quantità variabili di etano, azoto, anidride carbonica e propano.

Sapevate che il gas naturale è incolore e inodore? L'odore che conosciamo viene da un additivo chiamato etantiolo o etilico mercaptano.

Il gas naturale: un'energia pulita o distruttiva per l'ambiente?

Quali sono gli impatti ambientali del gas naturale? Il gas naturale è considerato a volte come positivo ma altre volte come negativo: può essere, allo stesso tempo, un'energia pulita o, al contrario, un fattore di cambiamento climatico. Tutto dipende da come il gas naturale viene venduto (energia utilizzata per il riscaldamento o per l’elettricità) e da chi viene venduto (a seconda della lobby o dell'organizzazione in carica, il gas naturale viene concepito come energia pulita o dannosa). Il gas naturale è sicuramente meno dannoso di altri idrocarburi come il petrolio o il carbone ma si tratta comunque di un’energia che gioca un ruolo negativo nel cambiamento climatico.

Netatmo info

Se volete migliorare la vostra efficienza energetica e ridurre le vostre bollette di riscaldamento ed energia elettrica, il Termostato intelligente Netatmo  fa per voi: può aiutarvi a programmare e controllare il vostro riscaldamento a gas naturale. Facile da usare, connesso ed ergonomico, è un grande alleato nell'ottimizzazione del vostro consumo energetico e delle vostre spese.

I diversi tipi di gas naturale

Il gas naturale umido e il gas naturale secco

Esistono due tipi principali di gas naturale: il gas naturale umido e il gas naturale secco. Si differenziano tra di loro per il modo di produzione e per il luogo del giacimento. Tuttavia, ciò non influisce realmente sull’estrazione, sul trasporto o sul consumo.

  • Il gas naturale secco è composto da detriti vegetali, pietre, sabbia e varie sostanze organiche. Questo insieme è stato carbonizzato dall'aumento delle temperature, con conseguente produzione di torba, lignite, carbone e infine metano.

  • Il gas naturale umido, invece, proviene dai detriti di alghe e plancton che sono diventati bitume e poi petrolio nel corso di milioni o addirittura miliardi di anni. A causa dell'alta temperatura e pressione, il bitume si decompone per formare questo gas naturale umido.

Gas di città e gas naturale

Sono due tipi di gas molto diversi. Composto principalmente da monossido di carbonio e idrogeno, il gas di città è stato gradualmente sostituito dal gas naturale, che è meno pericoloso. In passato, il gas di città veniva usato per l'illuminazione stradale, il riscaldamento e la cottura, ma la sua tossicità lo rendeva un'energia pericolosa.

Il mercato del gas naturale in Italia

Un mercato monopolistico liberalizzato dal 2000

Precedentemente monopolio statale, il mercato italiano del gas è ora liberalizzato: dal 2000, voi, come tutti, siete liberi di scegliere un fornitore e un'offerta di gas naturale della concorrenza. Esistono ancora tariffe del gas regolamentate e definite dallo Stato. Queste, però, sono i prezzi sui quali i concorrenti indicizzano le proprie offerte a prezzi di mercato. Potete quindi scegliere tra diversi prezzi, spesso con piccole differenze, ma che possono essere significative a seconda dell'offerta.

Secondo diversi progetti e discussioni, le tariffe regolamentate del gas naturale potrebbero scomparire nei prossimi anni. Ciò potrebbe avere un effetto positivo o negativo sui prezzi di mercato, ma rimane difficile da determinare.

Un paese dipendente dalle importazioni di gas naturale

La produzione di gas naturale in Italia è quasi inesistente: è essenzialmente importata (95% del gas naturale distribuito in Italia viene importato). La maggior parte del gas naturale consumato in Italia viene importato della Russia. L’Italia, per questa energia, è quindi molto dipendente dai suoi partner commerciali. Il gas naturale è importato nel paese per mezzo di gasdotti internazionali e tramite terminali di rigassificazione. L’Italia, dato che non produce gas naturale, ha poco potere sul prezzo del gas naturale per i privati. Alcuni stati, come la Russia, godono di un grande potere grazie al loro ruolo nella produzione di energia e in particolare di gas naturale, che è estremamente diffuso.

Tendenze del mercato del gas

Mentre il consumo di gas naturale ha avuto la tendenza a diminuire nel corso degli anni fino a stabilizzarsi (8,7 MWh pro capite in media), il prezzo del gas naturale ha continuato a salire. Si noti che allo stesso tempo, la quota di gas nel consumo globale di energia delle famiglie italiane è raddoppiata dagli anni '70.

Il gas naturale è ancora molto conveniente rispetto al prezzo delle altre energie. Spesso utilizzato per il riscaldamento, è un buon modo per ottimizzare l'efficienza energetica a basso costo ma ha un impatto ambientale negativo. Contrariamente alle apparenze, non è un'energia pulita né un’energia rinnovabile. Perciò, è meglio usare il biogas che è leggermente più costoso del tradizionale gas di città ma è molto più ecologico.