Come e perché ridurre il proprio consumo medio di energia?

Il consumo dell’energia elettrica, spesa significativa per le famiglie italiane, sta diventando sempre più importante. Dato che il prezzo dell'elettricità continua a salire, è importante capire come ridurre al minimo il vostro consumo medio di energia. Senza dubbio, vi accorgerete del risparmio grazie alla riduzione della vostra bolletta dell’energia elettrica.

Qual è il consumo medio di energia di una casa?

Alcune cifre sul consumo medio di energia

Prendiamo diversi esempi per farci un'idea. Un monolocale di 30 metri quadrati, dotato di un sistema di riscaldamento e di acqua calda elettrico, consuma una media di 4.350 kWh all'anno. Se un’altra fonte di energia viene utilizzata, il consumo medio annuo è di circa 970 kWh. Nel caso di una grande casa di 150 metri quadrati, se è dotata di un sistema di riscaldamento e di acqua calda elettrico, il consumo medio sarà di 23.500 kWh ogni anno e di 2.800 kWh in caso contrario. La differenza è immensa!

Le stime cambiano di anno in anno e a seconda della fonte di energia utilizzata. La differenza del prezzo, però, rimane abissale.

Come si converte il consumo di energia in kWh in euro sulla bolletta?

Una casa di 75 metri quadrati con 3 o 4 abitanti consuma da 10.000 a 14.000 kWh all'anno e gli inquilini dovranno pagare una bolletta dell'energia elettrica tra 1.500 e 2.100 euro, a seconda del fornitore. Infatti, il prezzo del kWh dipende dall'offerta scelta, dal fornitore e/o dalle tariffe elettriche regolamentate. Inoltre, questo prezzo aumenta ogni anno.

Esistono molti criteri che influenzano il consumo medio di energia di una famiglia: l'area da riscaldare, il numero di persone in casa, il modo in cui vengono utilizzati gli elettrodomestici, ecc… Quindi, come si può calcolare questo consumo?

Come calcolare il consumo medio di energia?

Prima di tutto, che senso ha calcolare il consumo di energia?

Si fa spesso riferimento al consumo medio di energia, espresso in kWh, di una famiglia o di un'abitazione. Perché cercare di scoprirlo, capirlo e ottimizzarlo? È semplice, calcolare il vostro consumo medio giornaliero in kWh è molto utile per 2 motivi:

  • Potete scegliere il miglior contratto e la migliore offerta possibile secondo i vostri bisogni precisi: dal 2007 e dalla liberalizzazione del mercato dell'energia elettrica in Italia, è possibile scegliere liberamente il vostro fornitore e il vostro contratto!
  • Potete ottenere il massimo risparmio sulle vostre bollette dell’energia elettrica adattando il vostro consumo medio e privilegiando certi elettrodomestici.

Quindi, calcolare o almeno stimare il vostro consumo medio di energia è nel vostro interesse. Ma vi chiederete: come si fa?

I 7 criteri principali per calcolare il consumo medio di energia

È importante sapere che le quattro principali aree di consumo di elettricità in una casa sono il riscaldamento (in media il 60% del consumo totale per una casa di 60 metri quadrati completamente elettrica!), l'acqua calda, i dispositivi utilizzati (elettrici, elettronici e elettrodomestici). La luce viene subito dopo.

Quando calcolate il vostro consumo medio di energia, prendete in considerazione i criteri seguenti, anche se i primi due sono i più importanti:

  • La superficie della casa (e il numero di stanze): può sembrare ovvio, ma il riscaldamento elettrico utilizzato per scaldare un monolocale di 20 metri quadrati consuma meno di quello utilizzato per un trilocale di 45 metri quadrati;

  • L'energia consumata dai vostri dispositivi. Se i vostri elettrodomestici o multimedia, il vostro riscaldamento, le vostre piastre di cottura e la vostra acqua calda funzionano simultaneamente, la bolletta dell’energia elettrica potrebbe essere molto salata;

  • L’isolamento dell’abitazione: più l’isolamento delle pareti e del sottotetto è di qualità, minore è il consumo medio di energia;

  • La data di costruzione dell'edificio: l'anno di costruzione della vostra casa ha un'influenza sulla sua efficienza energetica, la tecnologia e la conoscenza evolvono di continuo.

  • Il vostro stile di vita: quanto spesso usate l'elettricità?

  • Il numero di inquilini nell'abitazione;

  • La potenza del contatore.

Netatmo info

Ora potete ridurre il vostro consumo medio di energia con Muller Intuitiv con Netatmo: il modulo di collegamento per i vostri radiatori elettrici che vi permette di risparmiare energia e denaro sulla bolletta dell’energia elettrica.

Come ridurre il consumo medio di energia?

Perché ridurre il consumo medio di energia?

Anche questa domanda vi sembra ovvia? Le cifre sono impressionanti e il prezzo della bolletta annuale può addirittura raddoppiare. Una famiglia energeticamente efficiente che non utilizza un riscaldamento elettrico consuma circa 1.350 kWh all'anno, ovvero 317 euro… contro i 3.510 kWh e i 648 euro di una famiglia che consuma molta energia!

Non esistono piccoli sforzi, ogni buona abitudine conta.

5 buone pratiche per limitare il consumo energetico

Sicuramente volete risparmiare energia elettrica per ridurre la vostra bolletta. Dunque, senza dubbio, avete anche la determinazione di intraprendere queste azioni:

  • Mantenete in casa una temperatura media di 19°C (non dimenticate che il riscaldamento- se elettrico- è la causa principale di un alto consumo elettrico);

  • Se i vostri elettrodomestici ne sono dotati, scegliete la modalità "eco" oppure optate per apparecchi a basso consumo di energia elettrica;

  • Scollegare gli apparecchi elettronici, gli elettrodomestici o l'illuminazione quando non sono in uso;

  • Utilizzare lampadine a LED invece di quelle a incandescenza;

  • Porre un coperchio sulle pentole e optare per la più economica pentola a pressione.

Tariffa base o tariffa Peak - Off Peak? Scegliere l'opzione giusta per limitare il consumo medio di energia

A seconda di come e quando usate l’elettricità, potete scegliere l'opzione per voi migliore tra la tariffa Base e la tariffa Peak – Off Peak .

Ciò che differenza le due tariffe è il prezzo del kWh. Con la tariffa Base, il prezzo di ogni kWh è lo stesso per tutto il tempo. Invece, con la tariffa Peak – Off Peak, il prezzo del kWh cambia a seconda dell'ora del giorno: aumenta durante le ore di picco (ore Peak) ma diminuisce di notte (ore off-peak).

Se il riscaldamento e l'acqua calda della vostra casa sono alimentati dall'elettricità, vi conviene optare per questa seconda soluzione.

Per fare un calcolo ancora più preciso del vostro consumo medio di energia, effettuate una diagnosi energetica: vi aiuta a stimare il consumo di energia della vostra casa tenendo conto di tutte le sue caratteristiche.