Come funziona un citofono?

Un piccolo, ma valido, strumento che corre in aiuto della sicurezza domestica è il caro e vecchio citofono, che ha subito nel corso degli anni diverse modifiche e migliorie tecnologiche, per essere sempre al passo con i tempi e venire incontro alle nuove esigenze di maggiore sicurezza e sorveglianza domestica. Il citofono si evolve e diventa così videocitofono nelle sue diverse varianti di citofono con video integrato, impianto citofonico, kit videocitofono e così via. L'obiettivo, adesso, non è più solo segnalarti la presenza di qualcuno all’ingresso, bensì offrirti video e audio per vedere, parlare e sentire direttamente chi bussa alla tua porta, ma a distanza di sicurezza. In questo articolo parleremo approfonditamente del videocitofono e del suo utilizzo versatile: come funziona, quale tipologia scegliere, come far sì che esso comunichi con altri dispositivi di casa o di sicurezza, se optare per un video citofono con i fili o wireless. Insomma, tutto quello che bisogna sapere in merito a questo accessorio in continua evoluzione!

Come funziona un videocitofono?

Come già accennato, il citofono si è evoluto in videocitofono per consentire di comunicare direttamente con la persona che suona alla porta. Questo sistema garantisce un grande vantaggio in termini di sicurezza in quanto permette di individuare e di fermare eventuali sconosciuti o malintenzionati davanti a casa. Ma come funziona un videocitofono? È difficile o facile da usare? Vi sono diverse varianti di questo dispositivo, tutte facili da usare, ma in differenti fasce di prezzo, a seconda delle tue esigenze di tecnologia e sicurezza. In generale vi sono componenti comuni a tutti i videocitofoni in commercio: uno schermo o più schermi di controllo video, a seconda di quanti e quali siano gli spazi e le entrate da monitorare. L’unità interna è composta dal monitor, attraverso cui viene visualizzata l’immagine video, mentre l’unità esterna è composta dal campanello per la chiamata, in cui sono integrati la telecamera e il microfono.

Videocitofono: con o senza fili?

Un altro quesito che sorge spontaneo nella scelta del citofono video è se orientarsi su un videocitofono con fili o su uno di tipo wireless. Qual è la differenza e quale soluzione conviene di più? Nel caso del videocitofono con fili, le due unità del videocitofono cablato, quali il monitor con schermo e il campanello esterno, sono collegate da un cavo elettrico. L’installazione di questo impianto è molto facile e sicura, in quanto basta semplicemente collegare i cavi al quadro elettrico di casa. Nel caso del citofono senza fili, invece,il dispositivo è indipendente da qualsiasi collegamento o installazione elettrica. I diversi componenti comunicano, infatti, tramite onde radio. Questa modalità assicura un grande vantaggio in termini di mobilità del videocitofono e dei dispositivi ad esso collegati, ma può rappresentare uno svantaggio qualora non si tengano presenti alcuni fattori ed accorgimenti. Per far sì che un impianto di videocitofono funzioni al meglio bisogna assicurarsi che il raggio d’azione tra campanello e monitor non venga ostacolato, per esempio da parti spesse o materiali isolanti particolari e che la distanza tra i due componenti non sia troppo elevata, in quanto questo potrebbe pregiudicare il funzionamento dell’apparecchio e la corretta comunicazione tra le parti. Inoltre, è sempre buona norma controllare la batteria, onde evitare che il dispositivo smetta di funzionare.

Netatmo Info

Il Campanello Intelligente con Videocamera Netatmo è la tua voce e i tuoi occhi, anche quando non sei a casa. Suonano alla porta? Vedi in video sul tuo smartphone chi ti cerca e parlagli direttamente, che tu sia a casa o all’altro capo del mondo.

Caratteristiche del videocitofono da prendere in considerazione

Ulteriori aspetti che incidono non poco nella scelta del videocitofono e che è necessario prendere in considerazione sono quelli relativi ai dettagli tecnici, alle capacità e funzionalità del citofono, oltre alla possibilità di connettersi e integrarsi con altri strumenti, quali lo smartphone e i dispositivi domestici di sicurezza.

  • La qualità dello schermo del citofono e della telecamera integrata è un particolare tutt’altro che irrilevante, dato che una qualità video scarsa potrebbe rendere inutile o poco valido il videocitofono acquistato. Tieni quindi presente i seguenti parametri: numero di pollici, qualità della visione notturna, immagine video a colori oppure in bianco e nero.

  • Anti-vandalismo: la presenza di un videocitofono è talvolta associato alla presenza di telecamere a circuito chiuso o alla videosorveglianza. Spesso infatti capita che i dispositivi di sicurezza, tra cui il citofono stesso, siano oggetto di vandalismo. Verifica, pertanto, che il prodotto sia protetto contro i tentativi di disattivazione.

  • La resistenza agli agenti atmosferici è un altro elemento importante da considerare. Per quanto un videocitofono possa resistere, non è facile proteggerlo dagli agenti atmosferici, soprattutto se il dispositivo è installato in una zona particolarmente esposta alle intemperie. Controlla che il prodotto che stai acquistando sia resistente e dotato di eventuali dispositivi che ne consentano una maggiore protezione.

  • Facilità di installazione. Chi vorrebbe comprare un videocitofono macchinoso e difficile da installare? Nessuno! Assicurati che l’installazione sia facile e realizzabile in fai-da-te. Consultare le istruzioni e le avvertenze, prima dell’acquisto, può essere un valido aiuto.

  • Un vantaggio offerto dai citofono wireless è, senza dubbio, la connessione senza fili al tuo smartphone via wifi, che ti permette di controllare il videocitofono a distanza.

  • Perché non aggiungere a tutto questo anche l'integrazione ad un sistema di sicurezza e di sorveglianza completo?

Videocitofono e apertura porte o cancelli

Il videocitofono può avere molte più funzionalità di quello che si pensa. Oltre a essere in grado di comunicare con i sistemi di sicurezza o i dispositivi mobile, quali smartphone, PC o tablet, ti dà la possibilità di controllare l’apertura della porta e del cancello di casa. Come? Quando stai per acquistare il videocitofono, controlla che il prodotto scelto sia dotato dei dispositivi adatti a “dialogare” con la porta o il cancello della tua abitazione, anche a distanza. Naturalmente per far sì che il citofono e i dispositivi installati in prossimità delle entrate della tua abitazione si connettano, permettendo così al videocitofono di trasmettere il segnale di apertura o di chiusura, è necessario avere un impianto o aver predisposto l’installazione di sensori e riceventi che captino il segnale inviato dal videocitofono. Il grande vantaggio di questo sistema è il fatto di poter attivare l’apertura di porte o cancelli a distanza, senza dover scendere dall’auto o rischiare di perdere le chiavi!