I certificati bianchi: cosa sono?

I certificati bianchi (o Titoli di Efficienza Energetica TEE) sono entrati in vigore dal 2005 e sono stati istituiti in Italia con il decreto ministeriale del 20 luglio 2004 elettricità e gas. Lo scopo di questa legge è di incoraggiare il risparmio energetico. In pratica, gli "obbligati" risparmiano energia o aiutano le persone idonee nei lavori per migliorare l’isolamento e la loro efficienza energetica.

Qual è il principio dei certificati bianchi?

Il principio dei certificati bianchi (o Titoli di Efficienza Energetica) è nato nel 2004, con il decreto ministeriale del 20 luglio 2004 elettricità e gas: da quell’anno in poi, lo Stato obbliga tutti i venditori di energia in Italia a realizzare un risparmio energetico sui propri impianti, qualunque sia la loro natura (olio combustibile, gas, elettricità, carburanti, ecc.), o attraverso i loro clienti.

Chi sono gli attori energetici interessati dai certificati bianchi (le parti obbligate)?

Diversi tipi di attori (noti anche come "parti obbligate") sono soggetti al sistema dei certificati bianchi e, quindi, all'obbligo di risparmio energetico. Tra questi ci sono:

  • Fornitori di elettricità;
  • Fornitori di gas;
  • I fornitori di olio combustibile;
  • Fornitori di calore e raffreddamento con vendite di valore superiore a una certa soglia;
  • Distributori di carburante con vendite che raggiungono una certa soglia.

Qual è lo scopo dei certificati bianchi?

L'obiettivo dei certificati bianchi è semplicemente quello di spingere i suddetti attori, cioè in particolare i fornitori di energia, a generare risparmio energetico o a permettere ai loro clienti di farlo. Questo risparmio può essere ottenuto, per esempio, attraverso lavori di isolamento della casa di un individuo, come la vostra. È un vero onere per gli obbligati rendere possibile questo risparmio energetico ad un costo inferiore.

Lo scopo dei certificati bianchi è quello di standardizzare, regolare e convalidare il risparmio energetico che deve essere realizzato dalle parti obbligate.

Gli obiettivi di risparmio energetico fissati dal governo si sono evoluti periodo per periodo per diversi anni. Nel periodo 2018-2020, l'obbligo di risparmio energetico è di 1.600 TWh cumac/anno, però, per le famiglie in situazione precaria la cifra d’obbligo di risparmio energetico è un quarto di questo volume.

Come possono i soggetti obbligati adempiere ai loro obblighi e raccogliere i certificati bianchi?

I soggetti obbligati possono adempiere ai loro obblighi in tre modi: realizzando essi stessi il risparmio energetico, acquistando certificati bianchi da soggetti non obbligati, o pagando una sovrattassa allo Stato. Per andare più in dettaglio, possono scegliere tra:

  • Risparmiare denaro direttamente sulle loro installazioni;
  • Incoraggiare i loro clienti a risparmiare energia attraverso efficienza energetica (nuova caldaia, isolamento, ecc.), attraverso la sensibilizzazione o gli aiuti finanziari (denaro, buoni, ecc.) ma anche sostenendoli nei loro sforzi di rinnovamento attraverso consigli, diagnosi o gestione del progetto;
  • Comprare certificati bianchi da vendere sul mercato.

I fornitori di energia hanno quindi diverse opzioni per soddisfare i loro obblighi: agire internamente o esternamente attraverso i loro clienti. In ogni situazione, le azioni intraprese producono "certificati bianchi" che fungono da prova del risparmio energetico ottenuto.

A questo proposito, le persone idonee che possono beneficiare del risparmio energetico ricevono i certificati bianchi in base al numero di kWh risparmiati. Coloro che hanno diritto possono poi vendere i loro certificati bianchi ai fornitori e ricevere assistenza finanziaria.

Chi può accedere ai certificati bianchi per ottenere un aiuto finanziario?

Coloro che possono ottenere i certificati bianchi sono persone fisiche o giuridiche: proprietari, locatori o anche inquilini che intendono realizzare lavori di risparmio energetico nelle loro case (isolamento del sottotetto, cambio di caldaia, ecc.). Quindi, queste persone hanno diritto all'assistenza finanziaria dei certificati bianchi, ma due condizioni devono essere soddisfatte:

  • L'abitazione interessata dai lavori di efficienza energetica deve essere stata completata almeno due anni prima dell'inizio dei lavori previsti;

  • L'immobile in questione deve essere situato in Italia.

Come utilizzare i certificati bianchi per beneficiare dell'assistenza finanziaria per i lavori di risparmio energetico?

Potete usare i certificati bianchi come aiuto finanziario per i vostri lavori di risparmio energetico se siete idonei o "non obbligati", cioè se siete o volete diventare clienti di un fornitore di energia o di qualsiasi altro soggetto obbligato.

Attraverso l’utilizzo dei certificati bianchi, potete richiedere gli aiuti finanziari per i vostri lavori in due modi.

Richiedete voi stessi i certificati bianchi

Potete richiedere voi stessi i certificati bianchi contattando una società specializzata in TEE o un fornitore di energia. In questo caso, è nel vostro interesse contrattare con i vari obbligati per ottenere l’aiuto finanziario per energia più interessante.

Tuttavia, se optate per questa soluzione, dovrete fare da soli tutti i passi necessari per ricevere il vostro aiuto finanziario.

Trasferire i certificati bianchi a un professionista

L'altra opzione è quella di trasferire i certificati bianchi ad un professionista che esegue lavori di risparmio energetico. In questo caso, l'obbligato si occupa di eseguire tutte le procedure. Inoltre, l'importo del vostro premio sarà determinato dall’installatore che eseguirà il lavoro di risparmio energetico. Il premio sarà poi applicato come riduzione sul totale della fattura.

Da notare che, secondo diverse indagini, l'importo che potete ottenere grazie ai certificati bianchi può variare da semplice a doppio a seconda dell'acquirente dei vostri certificati bianchi. Prima di finalizzare il trasferimento dei certificati bianchi al vostro installatore, prendetevi il tempo di analizzare tutte le opzioni per assicurarvi di fare la scelta giusta.

Il sistema dei certificati bianchi può quindi sembrare complesso ma ricordate che vi permette di ottenere un aiuto finanziario, a volte sostanziale, per la realizzazione dei vostri lavori di efficienza energetica.