A brand of Legrand

Giardinaggio

Il giardinaggio è un termine generico che racchiude l’insieme delle attività che ruotano attorno al lavoro della terra, alla piantagione e alla cura dei vegetali. Un giardino può avere uno scopo ornamentale (giardino alla francese, giardino giapponese, ecc.) o per il sostentamento, in cui vi si producono frutta e verdura (chiamato orto).

Giardinaggio e agricoltura, che differenza c’è?

La coltivazione di piante è comune ad entrambe le attività. Detto questo, giardinaggio e agricoltura si differenziano in diversi punti.

Il termine agricoltura raggruppa più attività legate alla coltivazione: floricoltura (coltivazione dei fiori), orticoltura (coltivazione degli ortaggi) e arboricoltura (coltivazione degli alberi); tutte attività professionali volte ad ottenere un rendimento. La produzione dei vegetali, nella maggior parte dei casi su vasta scala, è destinata alla vendita. Queste attività presuppongono l’utilizzo di tecniche e strumenti specifici: selezione delle sementi, utilizzo di macchinari agricoli, irrigazione automatica, fertilizzazione dei terreni, trattamento delle colture e dei raccolti, ecc.

L’attività di giardinaggio, invece, possiede raramente uno scopo commerciale o di lucro. Quando si parla di giardinaggio, in genere ci si riferisce a un’attività ricreativa, o al massimo volta all’autosufficienza alimentare, praticata da giardinieri amatori all’interno di un orto individuale e familiare. Anche le tecniche e gli attrezzi utilizzati sono diversi. Nell’attività di giardinaggio si tende generalmente all’economia di mezzi sfruttando le risorse del proprio ambiente, e utilizzando semplici attrezzi, il più delle volte manuali (sarchiello, vanga, rastrello, carriola, ecc.).

Il giardinaggio, un’attività alla moda

Le cifre sono chiare, ai francesi sta a cuore il proprio giardino, e non solo come spazio ricreativo, dato che per il 70% di loro è come una stanza aggiuntiva della casa1, oltre a uno spazio naturale da arredare e coltivare. Tutt’altro che prerogativa della campagna, il giardinaggio è praticato anche in città, in veri e propri giardini per i più fortunati, in mini orticelli da balcone o davanzale per altri. In totale, si stima che nove francesi su dieci coltivano uno spazio verde, anche se molto piccolo, nei pressi della propria abitazione.

L’interesse per il giardinaggio, attività per lungo tempo associata ai pensionati o alle famiglie con reddito modesto, è più universale di quanto si pensi. Che sia per abbellire i pressi della propria casa, trarre beneficio dal contatto con la natura o per rilassarsi, il giardino è un piacere indiscusso, a prescindere talvolta dalla sua produttività.

I gesti fondamentali del giardinaggio

Che sia per creare o curare un giardino, un giardiniere amatore deve acquisire un determinato numero di competenze. Coltivare fiori e ortaggi, infatti, non è sempre così facile come sembra. È necessario perciò conoscere le tecniche e le pratiche giuste per il proprio orto o giardino. Anche un semplice prato necessita di essere curato; tutte le zone verdi, piccole o grandi che siano, richiedono un lavoro di ampio respiro.

Le diverse tecniche sono strettamente legate allo stadio di crescita delle piante. L’attività di giardiniere amatore comprende pertanto più fasi:
  • La preparazione
Si tratta anzitutto di preparare il terreno (vangatura, rastrellatura, concimatura, ecc.) e le future piantine (selezione delle sementi, taleaggio, semina, margotta, preparazione degli innesti, ecc.).
  • La piantagione
È il momento della semina, del trapianto, della monda, ecc.
  • La cura costante
Per ottenere una crescita costante e prolifica dei vegetali, l’orto o giardino deve essere curato con regolarità. L'annaffiatura è una fase essenziale quando il terreno si inaridisce e le precipitazioni sono insufficienti per fornire l’acqua necessaria alle piante. Alcune specie possono sopravvivere a lungo senza acqua, ma la maggior parte di fiori e ortaggi necessita di apporto idrico costante, qualunque sia la tecnica (nebulizzazione, irrigazione meccanica, a goccia, o manuale con canna o annaffiatoio).

Tra gli altri gesti fondamentali della cura di un orto o giardino troviamo la diserbatura, che libera il terreno dai vegetali indesiderati, la sarchiatura, necessaria per alcuni tipi di vegetali (per ortaggi come ad esempio patate o cornetti), o ancora la pacciamatura, per limitare l’evaporazione dell’acqua e preservare la vita e i nutrimenti del terreno.
  • La cura
Infine, curare un orto o giardino con regolarità significa curare le piante e lottare contro i parassiti e le malattie. Il più delle volte la natura fornisce alle piante gli strumenti di difesa contro le aggressioni esterne, ma talvolta è necessario intervenire per aiutarle. Una difficoltà incontrata di frequente da qualsiasi giardiniere è il trattamento antiparassitario contro afidi, cocciniglie, lumache, da applicare con regolarità per mantenere sane le piante. Scopri tutti i nostri prodotti

Gli attrezzi necessari per il giardinaggio

La cura di un orto o giardino richiede qualche attrezzo indispensabile. Sia che si debba coltivare un semplice prato, un orto, o piantare fiori, è necessario attrezzarsi di conseguenza. Tra gli attrezzi di base citiamo rastrello, vanga, badile, piccone, forbici per potatura, annaffiatoio, sarchiello, ai quali vanno aggiunti gli attrezzi per i lavori più saltuari: nebulizzatore, roncola o falce, sega o cesoie per potatura, ecc. Per trasportare tutta questa attrezzatura, un cesto o una borsa resistente possono essere utili, così come una carriola per trasportare terriccio, compost, foglie morte o rami potati.

Se il giardino è di grandi dimensioni, potrebbe essere necessario uno strumento meccanico più efficace: un tagliaerba o un decespugliatore per la cura del prato, un motocoltivatore per dissodare la terra, o una motosega per la sfrondatura dei grossi alberi.

Giardinaggio e controllo ambientale

Creare e curare un orto o giardino non significa solo piantare e raccogliere vegetali, bisogna misurarsi anche con un insieme di fattori ambientali. Ad esempio, le tecniche e gli attrezzi utilizzati, così come la pianificazione del lavoro da effettuare, dipendono dalla qualità del terreno, dal meteo e dalle stagioni. Fare giardinaggio significa quindi tener conto di tutta una serie di fattori.

Un monitoraggio costante delle previsioni meteorologiche locali è indispensabile per anticipare l’annaffiatura delle piante in giardino e proteggere i vegetali dal gelo o dalle violente precipitazioni. Munirsi di un termometro, un anemometro e un pluviometro, dunque, è spesso necessario per una gestione più efficace delle condizioni meteo. È anche possibile scegliere una stazione meteo completa, classica o Intelligente, per avere tutte le informazioni necessarie alla cura quotidiana del proprio orto o giardino.

Per ottenere un bel raccolto, si deve inoltre tener conto del suo microclima a livello globale, favorire cioè le interazioni benefiche tra le piante “amiche” e sfruttare le risorse fornite dalla natura: recupero delle acque piovane, compostaggio dei rifiuti dell’orto o giardino (residui di potatura, foglie d’alberi, ecc.) e della cucina (bucce, resti di ortaggi).

Alcuni amanti del giardinaggio si spingono ancora oltre e pianificano le proprie attività in base alle fasi della luna: a seconda che sia crescente o calante, alcuni giorni sono favorevoli alla semina e alla raccolta di determinate categorie di piante: ortaggi da radice e fiori da bulbo durante i “giorni radice”, fiori e ortaggi da fiore duranti i “giorni fiore”, alberi da frutto e ortaggi da frutto durante i “giorni frutta e semi” e infine gli ortaggi da foglia durante i “giorni foglia”.

Giardino terapeutico

Gli effetti positivi del giardinaggio sulla salute sono noti da tempo. L’attività fisica e il lavoro all’aria aperta comportano numerosi benefici. Da qualche anno, gli operatori sanitari considerano il giardinaggio un modo di migliorare lo stato di salute di alcuni pazienti; è il cosiddetto giardinaggio terapeutico o ortoterapia.

Questo nuovo modo di praticare giardinaggio si rivolge sia ai pazienti con problemi motori o in rieducazione, sia ai pazienti affetti da disturbi neurologici o psicologici. L’immersione nella natura è già di per sé benefica per la salute e il morale, mentre il lavoro di squadra favorisce l’interazione sociale e la fiducia in se stessi.

Il giardinaggio permette inoltre di accrescere le capacità cognitive, l’equilibrio e la memoria. Mantiene la muscolatura e rafforza la coordinazione. Il giardinaggio terapeutico presenta pertanto numerosi vantaggi per accompagnare le persone fragili dal punto di vista fisico o mentale sulla via del recupero.

Oltre agli aspetti prettamente medici, frequentare orti o giardini e praticare regolarmente giardinaggio è salutare per chiunque. Ricordiamo inoltre che il consumo dei prodotti del proprio orto è garanzia di buona salute a lungo termine per tutti.
1sondaggio Ipsos-Unep 2006

Scopri tutti i nostri prodotti

Stazione Meteo Intelligente

Termostato Intelligente

Videocamera Interna Intelligente

Videocamera Esterna Intelligente